di Daniel Craciun, Mirko La Rocca e Francesco Amadeo (2D)

Il 9 febbraio scorso, in occasione della giornata mondiale per la sicurezza in Rete (Safer Internet Day), la classe 2D dell’Istituto comprensivo “A. Stradella” ha partecipato alla V edizione dell’evento digitale “#cuoriconnessi”, nato dalla collaborazione tra Polizia di Stato e Unieuro.
All’iniziativa (trasmessa dalle 10 alle 12 circa) hanno partecipato il capo Franco Gabrielli e altri dirigenti della polizia. Ha presentato l’evento il giornalista Luca Pagliari, autore del libro “#cuoriconnessi. Cyberbullismo, bullismo e storie di vite online. Tu da che parte stai?”.

Si sono collegati ben 265.915 studenti di oltre 3000 scuole italiane. I temi sono stati quelli del bullismo e del cyberbullismo; si è parlato dei vari pericoli che si possono incontrare in rete e sono state trasmesse delle testimonianze vere di ragazzi vittime di questi fenomeni. Il liceo Mazzini di Napoli ha presentato un bellissimo video in cui l’amicizia appare come l’arma più potente contro ogni discriminazione. La prima testimonianza è stata quella di Alessia: una ragazza che ha subìto atti di bullismo da parte delle sue amiche che l’avevano derisa semplicemente per il colore rosso dei suoi capelli.

È stato poi trasmesso un video musicale in cui Revman (un vero poliziotto “rapper”) ha cantato una canzone che tratta questi temi. La sua idea è quella di unire il tema della legalità con un linguaggio molto vicino a noi giovani. Molto emozionanti sono state le storie raccontate in due docu-film: quella di Camilla e quella di Sofia. La prima discriminata per un busto che doveva indossare a causa di problemi alla schiena, l’altra bullizzata per alcune sue foto provocanti diffuse da suoi coetanei sui social. Camilla, grazie all’aiuto dei suoi genitori e alla lettura del libro “#cuoriconnessi” nel 2020, ha superato il suo “male di vivere” ed è tornata a sorridere. Sofia sta combattendo ancora con i suoi incubi per aver creduto che “per una volta non succede niente”, invece, purtroppo, “basta una volta”.

La mattinata si è conclusa con alcune domande degli alunni collegati. È stata una giornata istruttiva che ci ha fatto riflettere su cose che spesso accadono anche molto vicino a noi. Grazie #cuoriconnessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.