di Cristian Carlomagno e Giulia Faggioli (3B)

Per questo Giorno della memoria, utilizzando la tecnica di scrittura creativa del Caviardage e partendo dalla canzone “Auschwitz” di Francesco Guccini, meglio conosciuta come “Canzone del bambino nel vento”, abbiamo voluto ricordare la sofferenza che si provava nei campi di concentramento ed i crimini commessi contro l’umanità, affinché la memoria ci renda consapevoli che l’intolleranza, l’odio e l’aggressività verso persone e comunità, motivate da differenze religiose ed etniche, sono da condannare senza riserva.
ll caviardage è un processo creativo: consiste nella realizzazione di una poesia a partire da una pagina scritta, annerendo le parole considerate “inutili” e decorando in vario modo la stessa pagina. Caviardage viene etimologicamente dalla parola francese “caviar” (caviale), in pratica “annerire”.

Auschwitz di Francesco Guccini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.