di Gaia Pentassuglia (2A)

Da alcuni anni tra i giovani si sta diffondendo una nuova moda, il Cosplay. Consiste nel truccarsi, vestirsi e acconciarsi come un personaggio noto, generalmente appartenente al mondo degli anime giapponesi.
Iniziò tutto nel 1995 quando dei ragazzi di Tokyo girarono per la città con i costumi dell’anime Neon Genesis Evangelion e da allora la moda del Cosplay si è diffusa in tutto il mondo.
In Italia i primi Cosplay avvennero negli anni ‘90 all’interno delle fiere del fumetto, come il Lucca Comics per citare una delle più famose. A partire dal 2003 si tiene il World Cosplay Summit.
Le persone che fanno Cosplay vengono chiamati cosplayer: sono molti e tra quelli di maggiore successo in Italia citiamo Lisa Lisa, conosciuta per i suoi video sulla piattaforma Tik Tok, Jade.cos, Randomlee.cos e Doctor Dee. Quest’ultimo è sicuramente il cosplayer italiano più interessante e ha iniziato a pubblicare video dei suoi cosplay su YouTube il 13 aprile del 2014.
Ormai tutti provano ad imitare questi miti del web, e la maggior parte per imitarli al meglio compra i costumi nei negozi o direttamente online. Ma c’è un posto giusto dove comprarli? La risposta è sì: i siti migliori dove comprare cosplay sono vari, i più famosi sono Amazon e Aliexpress. Però, visto che la maggior parte dei personaggi anime ha occhi di colori sgargianti come il viola, l’oro e il rosso, se si vuole fare al meglio il Cosplay esistono le lenti a contatto colorate che fanno cambiare il colore degli occhi della persona che le indossa. È preferibile prima fare una visita oculistica, o farsi spiegare da un oculista come indossare queste lenti. I siti migliori dove comprarle sono il già citato Aliexpress e Sacandraca shop.
Noi della redazione dello Stradellino abbiamo scritto ad alcuni cosplayer per intervistarli e la prima che ci ha risposto è stata Lisa Lisa. Ecco l’intervista.

Ciao Lisa! Sono Liz, vorresti rispondere a qualche domanda?

“Certo!”.

Grazie mille! Allora, quando hai iniziato a fare cosplay?

“Nell’aprile dell’anno scorso”.

Come mai hai fatto questa scelta?

“Ho sempre ammirato chi faceva cosplay e ho voluto mettermi in gioco anche io”.

Fantastico. Quando hai iniziato ad avere successo con i tuoi cosplay?

“Ehm, boh, ahahaa. Ho iniziato a postare su Tik Tok delle cose. Le persone a cui piaceva quello che facevo hanno iniziato pian piano a supportarmi”.

A proposito di fan: che consigli daresti loro per un cosplay e che rapporto hai con loro?

“Di armarsi di tanta pazienza perché i risultati non arrivano subito: bisogna provare e riprovare. E poi mi fa strano considerare le persone che mi seguono miei ‘fan’. Non mi sento così importante. Comunque ho un buon rapporto con tutte le persone che mi supportano”.

Conosci altri cosplayer?

“Yepp, però non di persona purtroppo”.

Qual è stato il tuo cosplay preferito?

“Sukuna per ora”.

Bellissimo! E il primo che hai fatto?

“Elizabeth di The Seven Deadly Sins. È stata la mia prima waifu*!”.

Come ultima domanda, ci potresti fare uno spoiler del tuo prossimo cosplay?
“Eh nop, non svelo mai i miei futuri cosplay”.

Peccato! Grazie per la disponibilità.

“Grazie mille a te!”.

*waifu: questo termine indica, per l’otaku medio, la propria wife (moglie). Ovviamente inesistente, poiché si tratta di un personaggio anime o di un videogioco. L’otaku è un giovane dedito in maniera ossessiva a una particolare attività, hobby o interesse (fumetti, cartoni animati, videogiochi e computer).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.