di Camilla Camagna (3B)

Il progetto DYR “Digital young readers. Dall’editoria tradizionale a quella digitale”, rivolto agli alunni delle classi seconde e terze della Scuola Secondaria del nostro Istituto, è iniziato. Nato da una proposta della casa editrice Mulphedizioni, ha finalmente preso avvio, dopo essere stato posticipato a causa dei crescenti contagi Covid registrati dopo le festività natalizie.

Esso si propone di proiettare i giovani verso la lettura, divenuta ormai un passatempo considerato sempre meno attraente, ma importante in quanto apporta molti benefici, tra cui:

  • stimola la mente;
  • migliora le conoscenze;
  • espande il vocabolario;
  • migliora la memoria;
  • migliora li livello di attenzione e di concentrazione;
  • migliora le abilità di scrittura;
  • aiuta a vedere il mondo con occhi diversi.

Il progetto è intento a distogliere i più giovani dal mondo dei social e indirizzarlo maggiormente alla lettura, che può essere praticata anche su dispositivi elettronici. Ovviamente non si deve smettere di usare totalmente il telefono o i social, poiché anch’essi possono rivelarsi benefici, ma bensì ridurre il tempo utilizzato su di essi e impiegarlo per leggere.

L’iniziativa si basa su diversi aspetti della lettura e in modo particolare del libro; infatti il progetto è sviluppato complessivamente in tre fasi:

  1. nella fase iniziale verranno trattati gli aspetti perlopiù tecnici e storici della nascita del libro, dalla sua prima realizzazione nell’868 d.C., passando per le tappe che portarono alle pubblicazioni, fino ad arrivare alle nuove tecnologie.
  2. Nella seconda fase le singole classi saranno impegnate in un laboratorio di scrittura creativa, tenuto e supervisionato da un professionista che guiderà gli alunni nella creazione di un racconto collettivo. Il risultato finale sarà pubblicato sia in formato cartaceo che digitale.
  3. La terza ed ultima fase sarà dedicata ad incontri/webinar con tre autori della casa editrice, che discuteranno tematiche presenti nelle loro opere, con la possibilità per gli alunni di fare anch’essi delle domande.

In conclusione, il progetto serve a farci comprendere l’importanza della lettura, diventata ormai un hobby passato in secondo piano, ma comunque essenziale per assicurarci una crescita “ricca”, in quanto la lettura crea conoscenza e attraverso di essa si possono ampliare i propri orizzonti e raggiungere una maturazione progressiva che consente di potersi confrontare con un’ampia fascia di argomenti. Inoltre, gli eBook e gli eReader sono sempre più usati in sostituzione dei libri cartacei, per favorire il ritorno di questo passatempo dimenticato, rappresentando anche una buona alternativa ecologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.