In occasione del 25 novembre, durante il laboratorio pomeridiano di Scrittura creativa, gli alunni della classe II A hanno deciso di cimentarsi nella tecnica del Caviardage. Come già spiegato in un precedende articolo (“Ad Auschwitz c’era la neve”), il Caviardage è un metodo di scrittura poetica che aiuta a tirar fuori la poesia nascosta dentro di noi attraverso un processo creativo che parte da una pagina già scritta (pagine strappate da libri da macero, articoli di giornali e riviste, ma anche testi in formato digitale). Grazie alla contaminazione con svariate tecniche artistiche si dà vita a “poesie visive”. La parola deriva dal francese caviar, “caviale”, e potrebbe essere tradotta come “annerire”; si oscurano infatti le parole che non servono, per mettere in evidenza invece quelle prescelte che, insieme, andranno a formare una frase, un pensiero, una poesia.

Gli alunni hanno realizzato dei componimenti poetici ispirandosi alla tematica della violenza di genere, ma anche all’amore, quell’amore nobile e puro che le donne incarnano. Molto interessante è sicuramente notare come, in alcuni dei ragazzi, una stessa pagina di libro abbia suscitato emozioni e sensazioni contrastanti.

Di seguito, i lavori realizzati dagli alunni della classe II A.

Giulia De Rossi
Emanuela Tal
Michele Sanna
Flavio Zurlo
Riccardo Volpini
Michele Darida
Sara Soldatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.